Identità in transito, arriva il cinema a teatro

1041
foto con effetti di binari
Identità in transito

Dal 2 al 19 marzo tornerà a Carbonia, con un doppio appuntamento settimanale, la Rassegna di Cinema “Identità in Transito”.

Per tre giovedì e domeniche consecutive, presso il Cine Teatro Centrale, verranno proiettati sei importanti titoli selezionati dalla scorsa stagione cinematografica e da quella in corso.

Giunta alla sua quinta edizione la Rassegna “Identità in Transito” si propone di riflettere sulle “identità migranti“, che cambiano e si contaminano. Sei titoli per una retrospettiva che intende porre l’accento sul tema del cambiamento come elemento essenziale di trasformazione sociale e personale.

Una foto de "lo chiamavano jeeg robot", uno dei film in programmazione
Lo chiamavano Jeeg Robot (in programmazione il 12 marzo)  – Foto dal web.

La Rassegna è organizzata dal Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria, in collaborazione con i Circoli del Cinema FICC “La Miniera” e ARCI “La Gabbianella Fortunata”, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Carbonia.

Si partirà giovedì 2 marzo (ore 21) con “L’effetto acquatico – un colpo di fulmine a prima svista” di Sólveig Anspach, un film che ha come traccia narrativa principale la bugia in quanto strumento di conquista amorosa, nella dimensione fluida della piscina che fa da sfondo alla vicenda.

Per proseguire domenica 5 marzo (ore 18) con il pluripremiato “Truman – un vero amico è per sempre” di Cesc Gay, una film molto potente che racconta l’amicizia tra due uomini negli ultimi giorni di vita di uno dei due. La tematica può sembrare drammatica, ma un grande punto di forza del film è proprio quello di non cadere nel pietismo offrendo un’eccellente commedia, per quanto commovente possa essere.

Giovedì 9 marzo (ore 21) sarà la volta di “Al di là delle montagne” di Zhangke Jia, film cinese che racconta con dinamiche decisamente interessanti le società così come i paesaggi in una dimensione temporale ampia e sospesa, tramite diversi personaggi e intrecci.

Domenica 12 marzo (ore 18) sarà proiettato l’attesissimo e decisamente famoso “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti. Non ha certo bisogno di presentazioni: record di incassi e di premi ai David di Donatello.

Un'immagine tratta dal film "la famiglia Fang"
La famiglia Fang (in programmazione il 19 marzo) – foto dal web.

Giovedì 16 marzo (ore 21) sarà in programma “Un padre, una figlia” di Cristian Mungiu, Palma d’Oro per la miglior regia al 69° Festival di Cannes. Il regista rumeno mette in scena i cambiamenti di un uomo, a partire dalle conseguenze di una scelta tutta da mettere in discussione. La tematica gira attorno al rapporto tra un padre e la propria figlia, con tutte le problematiche che il ruolo paterno comporta.

La Rassegna si concluderà domenica 19 marzo (ore 21) con la proiezione de “La famiglia Fang” di Jason Bateman, film tratto dal romanzo di Kevin Wilson che vede la partecipazione come attrice protagonista della star hollywoodiana Nicole Kidman.

Il Comune di Carbonia invita a partecipare.

INGRESSO
Posto unico non numerato
Intero € 4,00
*Ridotto € 3,00

N.B. Il botteghino aprirà un’ora prima dell’inizio di ciascuno spettacolo presso la biglietteria del Cine-Teatro Centrale.

PREVENDITA
ABBONAMENTI
Intero: € 18,00
*Ridotto: € 12,00

*Riduzione valida per i tesserati FICC e ARCI e per i giovani fino ai 21 anni di età.

Gli abbonamenti saranno acquistabili presso gli uffici del Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria, c/o la Fabbrica del Cinema (piazza Sergio Usai, località Ex Miniera di Serbariu – Carbonia), a partire da martedì 21 febbraio fino alla mattina di giovedì 02 marzo, tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 18.00, esclusi venerdì pomeriggio, sabato e domenica.

PER INFO contattare i numeri:
348.0031794
340.5839520
0781.671527