Verso le amministrative: intervista ad Alessandra Cosseddu

676
Alessandra Cosseddu
Alessandra Cosseddu

Alessandra Cosseddu ha 40 anni, da 21 lavora presso il Dinokebab, storica attività nel centro di Carbonia. È anche madre e una grandissima appassionata di sport che pratica a livello agonistico da diversi anni.

Carbonia.net: Come hai vissuto politicamente gli ultimi cinque anni di Amministrazione?

Alessandra: Penso che i cittadini e i commercianti non siano stati coinvolti sufficientemente, questo dispiace ancor di più perché la città sentendo i propositi della precedente campagna elettorale si sarebbero aspettati di essere parte attiva nelle decisioni riguardanti la città. Così non è stato… abbiamo perso anche un po’ lo spirito di comunità.
Un esempio di quello che ho vissuto con il mio lavoro e di quelle che sono le opportunità lavorative perse basti pensare che
in questi ultimi 5 anni si sono dimenticati gli eventi storicamente organizzati a Carbonia, non solo quelli estivi ma anche quelli religiosi.

Carbonia.net: Possiamo sapere da quanto tempo sei interessata alla politica e come è nata la tua candidatura?

Alessandra: Nella nostra quotidianità ci imbattiamo con l’ambiente che ci circonda, abbiamo necessità di servizi e subiamo i disservizi.
Nel mio lavoro mi confronto quotidianamente con i miei concittadini. Tutte le scelte che subiamo hanno una radice nelle decisioni politiche. Ho deciso di occuparmi in prima persona e di impegnarmi dopo essere stata contattata da Michele Stivaletta. Penso che ognuno di noi non debba limitarsi a delle lamentele ma debba anche farsi parte attiva. Credo nel gruppo e nella proposta politica di Sviluppo & Ambiente.

Carbonia.net: Secondo te sarebbe stato meglio se Pietro Morittu e Luca Pizzuto avessero trovato un accordo per correre insieme alle elezioni, anziché come avversari?

Alessandra: Penso che i motivi che hanno spinto i due candidati a non correre insieme siano in realtà noti solo a loro due, non sempre si dice pubblicamente quali siano le motivazioni politiche che spingono i leader a fare determinate alleanze.
Posso però dire di trovarmi a mio agio nella coalizione che sostiene Pietro Morittu, plurale, moderata, liberale e sardista.

Carbonia.net: Tu personalmente credi che esista un pericolo democratico a Carbonia, nel caso il consigliere uscente Daniela Garau vincesse le elezioni contro qualsiasi pronostico?

Alessandra: Ritengo che in Italia e non solo a Carbonia non ci sia né una deriva fascista né comunista.
Abbiamo una Costituzione che garantisce il vivere democratico con libertà di espressione e di voto.

Carbonia.net: Quali pensi siano le priorità da affrontare nel caso vincesse la lista che sostieni?

Alessandra: Carbonia deve riavere un ruolo guida nel territorio con servizi appropriati che migliorino la qualità della vita delle persone.
Occorre catalizzare investimenti e riqualificare l’ambiente che ci circonda.
Le strutture sportive devono essere maggiormente curate, il centro deve essere rivitalizzato.

Carbonia.net: Raccolta e gestione dei rifiuti e pulizia delle strade sono un argomento spesso citato nelle critiche all’Amministrazione sui social. La tua lista ha già qualche idea su come si potrebbe tentare di migliorare questi servizi?

Alessandra: La nuova Amministrazione sarà chiamata a fare un nuovo bando per l’affidamento dei servizi legati ai rifiuti, penso sia importante calibrare le tipologie di servizi in modo appropriato. Si dovrebbe coordinare lo sfalcio e la pulizia dei marciapiedi con la pulizia delle strade. Sarebbe opportuno aumentare la frequenza di alcune frazioni della raccolta differenziata, potenziare i servizi dell’Ecocentro e trovare i fondi per la realizzazione di servizi di smistamento dei rifiuti evitando il costo di conferimento e di trasporto del secco della nostra città.

Carbonia.net: Un altro argomento critico frequente sui social è il parcheggio in centro. Secondo te come potrebbe migliorare il servizio dei parcheggi a pagamento?

Alessandra: Il sistema di parcheggi del centro andrebbe totalmente rivalutato, ragionando sul numero e sull’ubicazione dei parcheggi a pagamento, a disco orario e liberi ragionando se modificare anche le fasce orarie.

Occorre creare le condizioni per rendere sicuro ed utilizzare il parcheggio multipiano di Via Verona con accesso pedonale diretto sulla Via Gramsci.

Carbonia.net: La lista per la quale ti candidi si chiama “Sviluppo e Ambiente”. Uno dei post condivisi dal vostro capolista Michele Stivaletta, parla della necessità di nuove aree verdi e di socializzazione per Carbonia. Non crede che sarebbe già un ottimo risultato rendere più ordinate, pulite, sicure e attrezzate quelle già esistenti, tra tutti il parco del Colle Rosmarino? Avete già qualche idea per nuove aree verdi e di socializzazione?

Alessandra: Noi riteniamo che i cittadini debbano avere aree di svago appropriate, ordinate e attrezzate a partire dalle aree verdi già esistenti, ma in condizioni poco consone.
Villasulcis, Colle Rosmarino, Grande Miniera di Serbariu, Monte Leone, insieme alle pinete di Cortoghiana e Bacu Abis sono degli esempi di spazi di aggregazione e socializzazione da valorizzare.
Con i fondi che si potrebbero ottenere per rimboschimento e forestazione si potrebbero realizzare nuovi parchi e polmoni verdi per le generazioni future.

Carbonia.net: Ponte sul Rio Cannas: quale destino gli daresti? Riprenderesti l’interessante progetto originario di unire il Museo di Villa Sulcis alla Necropoli preistorica del Parco urbano di Cannas di Sotto o abbandoneresti definitivamente l’idea, prevedendo quindi un progetto importante di rimozione della struttura e riqualificazione delle aree interessate?

Alessandra: L’investimento per la realizzazione del ponte unito all’idea di collegamento pedonale di due importanti spazi urbani ci impone di rivalorizzare e riqualificare quella struttura per troppo tempo abbandonata. Il ripristino del transito pedonale si dovrebbe anche inserire nel completamento del parco lineare del Rio Cannas. Lo dico da abitante di Corso Iglesias.

Carbonia.net: Quali sono i motivi per cui gli elettori dovrebbero scegliere te tra i tanti candidati a consigliere comunale?

Alessandra: Penso che l’onestà e la correttezza siano requisiti base che tutti dovrebbero avere per aspirare a una carica politica. Questo però non basta, occorre motivazione, senso del dovere e spirito di servizio, tutti sentimenti che mi animano e mi spingono a fare il bene della mia città.
Per questi stessi motivi ho deciso di candidarmi nella lista Sviluppo & Ambiente – Cittadini per Carbonia

Carbonia.net: In caso non riuscissi a essere eletta, pensi di rimanere attiva in politica e nel territorio?

Alessandra: Si. Ragionando con i miei colleghi candidati nella mia lista abbiamo condiviso un’idea: gli eletti saranno attivi all’interno del consiglio comunale e si faranno portavoce delle istanze della città con l’amministrazione;
I non eletti si uniranno in un’associazione che si possa interessare alla nostra città in modo attivo e propositivo.

Carbonia.net: Come percepisci la condizione della donna oggi?

Alessandra: Ritengo che soprattutto negli ultimi anni le donne stiano riuscendo a recuperare importanti spazi in tutti i settori con capacità, serietà e caparbietà.
Penso però che oggi la sfida più importante sia quella di dare servizi alle famiglie compresa l’assistenza alla genitorialità. Le donne non devono scegliere tra il lavoro e la famiglia. Servono perciò importanti riforme nazionali.
Per avere una società moderna ed evoluta non ci dovrebbero essere disparità di trattamento.

Alessandra Cosseddu
Alessandra Cosseddu